sabato 12 maggio 2018

WSBK Gara1 Imola - La Pagella di PGreco


Rea
Voto:10
Niente da fare, Johnny è un cannibale e si mangia tutti già dalla partenza, andando via in solitaria. Riesce a martellare un passo di 1'47 basso per tutta la gara, aggiudicandosela in scioltezza.

Sykes
Voto:9
Stavolta mette a frutto il potenziale della sua verdona. Certo, non sarà mai ai livelli di Rea, ma si prende un ottimo e meritato secondo posto.

Melandri
Voto:9
Dopo l'innarrivabile coppia di Kawasaki c’è lui. Nelle prime battute della gara lotta con le altre Ducati di Rinaldi e Fores. Una volta trovato il ritmo, va a prendersi un bel podio, nell’unico posto lasciato libero dalle due verdone.

Davies
Voto:8,5
Parte non benissimo, poi nella lotta con le altre Ducati fa un dritto che lo obbliga ad una rimonta stupenda fatta di sorpassi bellissimi e di giri veloci. Davvero un peccato, perché con quel passo poteva giocarsi la seconda o terza posizione.

Fores
Voto:8
Si conferma il più in forma dietro alle Ducati e Kawasaki ufficiali. Un'altra ottima prestazione per il veloce pilota del team Barni.

VdM
Voto:7
L’olandese quando la sua M1 glielo permette è sempre alle spalle delle moto più forti. Bellissimo sorpasso su Rinaldi. Dietro i soliti noti molte volte c’è lui, e questo fa bene alla Superbike.

Rinaldi
Voto:9
Anche se trovo un'eresia l’utilizzo del numero 21, il caro Rinaldi dimostra di essere molto competitivo. I suoi limiti sono da attribuirsi più all'inesperienza, piuttosto che da ricercarsi nel talento, perchè quello c'è e si vede.

Savadori
Voto:8
Sapendo che la spalla non è ancora al 100% la sua prestazione è davvero ottima e dimostra che l’Aprilia va ancora bene. Per quanto non possa ambire ai primissimi posti può ancora dire la sua.

Haslam
Voto:8
Mette il casco, sale in moto e da gas...ecco come si deve fare. Un nono posto come wildcard, davanti a un cliente scomodo come Lowes va più che bene per lui.

Lowes
Voto:5
Oggi mai in gara, arriva molto distante dal suo compagno di squadra e si fa battere dal “vecchio” Leon 91. Questo dimostra la poca competitività in questa gara dell'inglese.

Nessun commento:

Posta un commento