domenica 14 gennaio 2018

Un altro italiano in Ducati nel 2019? Bagnaia potrebbe essere già in Pramac

Francesco Bagnaia è sul punto di firmare un accordo con Ducati per correre con Pramac nel 2019 da pilota di Borgo Panigale

Paolo Ciabatti aveva dichiarato qualche giorno fa che i giovani nel mirino di Ducati per il futuro sono Francesco Bagnaia e Joan Mir, e la notizia di oggi è che proprio l'italiano avrebbe già ricevuto una offerta formale da parte di Borgo Panigale. Pecco Bagnaia si è reso protagonista nel 2017 di una stagione incredibile al debutto nella difficilissima Moto2, una classe che premia moltissimo l'esperienza. Il rider ha conquistato il quarto posto nella classifica generale, oltre a prendersi il meritato titolo di "Rookie of the year". 

Bagnaia ha già avuto nel 2016 un primo assaggio di Desmosedici, quando il Team Aspar gli fece provare la moto a Valencia come premio per le due vittorie in stagione, quando all'epoca correva ancora in Moto3. Il debutto e la grande stagione in Moto2 in sella alla Kalex gestita dal Team Sky VR46, hanno confermato tutto il talento di Bagnaia, che adesso è sul punto di vedere la propria carriere spiccare letteralmente il volo.





Sembra che, secondo quanto riportato dalla Gazzetta, in Pramac si siano mossi con un certo anticipo per garantirsi il contratto con Bagnaia a causa della forte possibilità che Danilo Petrucci possa spostarsi verso altri lidi nel 2019. Aprilia aveva già avvicinato il Petrux nel 2017, ed ora il ternano è pronto a fare lo switch e passare in pianta stabile in un Team Factory, con anche la KTM che è probabilmente alla finestra. Attualmente infatti, pur essendo un pilota Ducati con a disposizione lo stesso materiale di Lorenzo e Dovizioso, vive in ogni caso una situazione leggermente diversa da quella dei piloti che vantano lo status di "Factory Rider". 

Di certo con tutti i contratti in scadenza a fine 2018 per i top rider della MotoGP, potremmo prepararci ad una stagione di mercato caldissima in vista di rinnovi, separazioni e debutti eccellenti.

Nessun commento:

Posta un commento